Brian ha scoperto una vulnerabilità nel browser di casa Apple, Safari, che permetterebbe a una pagina costruita ad hoc di accedere ai file della vittima. Non parliamo solo di immagini, video, e materiale innocuo, ma anche di dati sensibili come mail private, codici di accesso e password. Leggi il seguito di questo post »

Annunci